facebook rss

Coronavirus, secondo decesso
a Osimo: la vittima è un 82enne

COVID 19 - L'anziano ospite della casa di riposo Grimani Buttari è morto ieri all'ospedale di Torrette dove era stato ricoverato per l'aggravarsi delle condizioni cliniche
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

C’è un secondo decesso collegato al contagio da Covid 19 a Osimo. Si tratta dell’82enne Elio Serrani, ricoverato giorni fa nel reparto di Medicina d’urgenza di Torrette e deceduto ieri mattina. L’anziano ospite della casa di riposo Grimani Buttari di Osimo aveva patologie pregresse e il suo quadro clinico si era aggravato tanto da richiedere il trasferimento all’ospedale regionale di Ancona. Anche in questo caso ogni forma di saluto è stata negata per protocollo ai familiari. Oltre al dolore per la perdita del proprio caro si è aggiunto quello per non averlo potuto abbracciare e accarezzare, per non avergli potuto stringere la mano prima di dirgli addio per sempre. Domani, 25 marzo, si svolgerà  una breve benedizione in forma privata al cimitero di via San Giovanni. Dalla residenza protetta per anziani di San Sabino nei giorni scorsi sono stati due gli ospiti ricoverati nei presidi ospedalieri ma nella struttura ci sono altri degenti con sintomi febbrili e in isolamento che attendono di essere sottoposti al tampone. Nel frattempo verranno svolti i Covid 19 rapid test donati ieri dal sindaco Simone Pugnaloni che non sono però omologati e necessitano di riscontri certificati.

La grave emergenza sanitaria in corso causata dal Coronavirus ha imposto anche alla Lega del Filo d’Oro l’adozione di misure preventive  di di distanziamento sociale per arginare la pandemia che comportano però agli ospiti sordocieci ospiti una condizione di isolamento assoluto. Data la minorazione sensoriale, infatti, le persone sordocieche utilizzano prevalentemente il tatto per comunicare e conoscere l’ambiente circostante e in un momento in cui la raccomandazione è quella di mantenere la distanza di sicurezza, questo rappresenta per loro un ulteriore, enorme, ostacolo. Al centro nazionale di Osimo come nelle altre sedi della Lega del Filo d’Oro le visite sono ridotte al minimo indispensabile solo per i familiari. Rimangono attivi i servizi di supporto telefonico per continuare a garantire sostegno alle famiglie. «Esprimo vicinanza e sostegno alle persone sordocieche e alle loro famiglie. Se questo è per tutti noi un momento molto duro, sono le persone che già vivevano una condizione estremamente difficile quelle che non devono essere dimenticate e confido che le Istituzioni, al di là della stretta emergenza, possano dare una risposta anche a loro – dice Rossano Bartoli, presidente della Lega del Filo d’Oro. – Inoltre mi preme rivolgere un forte ringraziamento ai nostri dipendenti incluso medici, infermieri, operatori, educatori, terapisti e psicologi nonché a tutti i collaboratori perché prestano servizio con abnegazione nei 5 Centri Residenziali della Lega del Filo d’Oro e sono anche loro in prima linea per continuare ad assistere e curare le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali che accogliamo nelle nostre strutture».

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page