facebook rss

«Fatti, non bla bla bla»,
il Comune cita Greta per presentare
il festival SostenibilMente

ANCONA – Il 13 ed il 14 novembre, a piazza Cavour, andrà in scena la kermesse che mostra quanto di concreto viene fatto dall'amministrazione e dai partner pubblici e privati per la sostenibilità ambientale. Verranno allestiti due padiglioni nei quali saranno organizzati 10 laboratori, 14 stand, quattro convegni e giochi di ruolo per bambini. La sindaca Mancinelli: «La transizione ecologica è un passaggio epocale e possiamo farcela se ogni individuo contribuisce»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

«Fatti, non bla bla bla». Il riferimento è allo speech di Greta Thunberg, critica verso le risoluzioni sul clima delle potenze mondiali, giudicate vuote promesse. La declinazione è però locale e vuole invece dimostrare che invece qualcosa si fa, rendicontndo quanto fatto e quanto si apprestano a fare amministrazione comunale e partner pubblici e privati riguardo al tema della sostenibilità ambientale. La sindaca Valeria Mancinelli, affiancata dagli assessori Ida Simonella (Piano strategico) e Michele Polenta (Ambiente), ha oggi illustrato il festival SostenibilMente che, il 13 ed il 14 novembre, prevede l’installazione in piazza Cavour di due padiglioni all’interno dei quali si succederanno eventi dedicati al tema. Dieci laboratori, 14 stand, quattro convegni e giochi di ruolo per bambini.

«Vogliamo informare i cittadini sulle azioni, e non le intenzioni, che sta mettendo in campo l’amministrazione – spiega Mancinelli –, e fare crescere ulteriormente la consapevolezza nei cittadini che questa transizione ecologica è epocale. Possiamo farcela, se tutti gli individui contribuiscono». All’interno dei padiglioni saranno programmate iniziative di diverso genere, per declinare una precisa e comune idea di sostenibilità, che si sviluppa attraverso sette assi portanti: la mobilità sostenibile, il monitoraggio della qualità dell’aria e delle acque, la riforestazione, l’efficientamento energetico degli edifici, la promozione di stili di vita sostenibili e consapevoli (il riciclo, il riuso, l’economia circolare…), la convivenza e l’interazione con la realtà portuale, la resilienza rispetto ai cambiamenti climatici (la gestione e il contenimento del dissesto idrogeologico…). Il tutto, inserito in una prospettiva che presuppone da un lato la sinergia dei diversi soggetti e, dall’altro, un quadro economico solido e certo a supporto dei necessari investimenti che dovrà trovare una base importante nelle previsioni del Pnrr.

«Nel Piano strategico abbiamo già grandi assi che riguardano questo tema – precisa l’assessora Simonella –: dalla mobilità sostenibile (con bus elettrici, piste ciclabili e provvedimenti del Pums), all’efficientamento energetico, come nel caso delle scuole, passando per il monitoraggio dell’aria e dell’acqua e l’elettrificazione delle banchine al porto, con un’accelerazione impressa dal Pnrr e dalle politiche nazionali». Ma che cosa succederà, in concreto, nei due padiglioni di piazza Cavour? Il programma prevede esperienze e momenti di informazione-formazione-confronto per tutte le età, con un percorso di accesso studiato per consentire una percezione immediata dei temi trattati, anche attraverso video ed effetti acustici particolari. Chi entrerà nei due padiglioni potrà partecipare a incontri di approfondimento, conoscere progetti e strumenti, ma anche diventare protagonista di laboratori e giochi di ruolo sui temi del riciclo, della sostenibilità, del recupero, del riuso, del chilometro zero, acquisire consapevolezza sui temi dell’inquinamento dell’aria, dell’acqua, del territorio, incontrare gli esperti che nella città di Ancona sono impegnati all’interno dell’Università e dei centri di ricerca, conoscere i progetti ed esprimere idee, opinioni e indicazioni che saranno utilizzate per costruire il Piano della mobilità sostenibile della città di Ancona.

La chiosa all’assessore Polenta, che ha posto l’accento sulla «riqualificazione del verde, non più semplice arredo, ma funzionale alla qualità dell’aria». Con il Comune di Ancona saranno dunque presenti in piazza Cavour l’Università Politecnica delle Marche, Anconambiente, Viva Servizi, Conerobus, Coldiretti Campagna Amica, CNR Irbim – Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine, Rete italiana Città Sane, Uisp, Guzzini, Mosaico Verde, Ata rifiuti – Ato 2 Ancona, Centri del riuso, Laboratorio Linfa – progettazione sostenibile, Costess – Società cooperativa sociale Onlus – Hort, Garbage Group, per Olivia, Good com, Adriatica Oli.

(m.m.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X