facebook rss

Investe un pedone e fugge:
identificato pirata della strada

SENIGALLIA - Si tratta di un 53enne residente a Trecastelli a cui vengono contestati i reati di  omissione di soccorso, fuga e lesioni stradali gravi
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Investe un pedone e fugge: identificato e denunciato dai carabinieri di Senigallia. Si tratta di un 53enne residente a Trecastelli a cui vengono contestati i reati di  omissione di soccorso, fuga e lesioni stradali gravi. I fatti risalgono al tardo pomeriggio di sabato, quando il 53enne, mentre transitava con la propria auto, una Volkswagen Passat, in località Brugnetto, aveva investito una donna di 31 anni.  A seguito dell’urto con l’auto, era stata scaraventata a terra, fuori dalla carreggiata stradale, riportando diverse lesioni. E’ stata immediatamente soccorsa da una ambulanza del 118 che, dopo una prima valutazione delle condizioni di salute, l’ha trasportata all’ospedale regionale di Torrette per gli ulteriori accertamenti, dove è stata ricoverata per ricevere le cure necessarie. L’automobilista, forse spaventatosi per quanto accaduto e forse, temendo anche per le conseguenze, si è dato alla fuga, dileguandosi dal luogo dell’incidente. Sul posto è prontamente intervenuta una gazzella dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Senigallia, per i rilievi ed i primi accertamenti del caso. Nel luogo del sinistro i militari hanno rinvenuto un pezzo di carrozzeria, perso dalla Passat dopo l’impatto con il pedone. Sono quindi iniziate subito le indagini per la ricerca dell’autovettura e del suo conducente, e grazie anche alle informazioni acquisite da alcuni testimoni, il responsabile è stato rintracciato nel primo pomeriggio di domenica. L’uomo, alla vista dei carabinieri, ha subito capito il motivo della visita e, dopo un primo momento di incertezza, si è reso subito collaborativo, ammettendo le proprie responsabilità. E’ stato quindi denunciato in stato di libertà per fuga, omissione di soccorso e lesioni stradali gravi.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X