facebook rss

Inaugurata l’esposizione
“Venti Futuristi”

SENIGALLIA - La mostra offre uno spaccato sullo sviluppo nelle Marche del Futurismo a partire dal 1922. Il sindaco Mangialardi: "Senigallia a pieno titolo nel circuito dei grandi eventi espositivi. Ai visitarori proposto un tour a tema tra gli edifici anni '30 della città"
Print Friendly, PDF & Email

Alcune delle opere esposte alla mostra “Venti Futuristi”

 

Bagno di folla per la prima della mostra “Venti Futuristi” allestita a Palazzo del Duca a Senigallia, che rimarrà aperta al pubblico fino al 2 luglio. Ad essere esposte oltre cinquanta opere tra dipinti, disegni, studi per abiti, incisioni, prove grafiche ed elementi legati all’arredo della casa, di venti artisti tra i quali spiccano alcuni firmatari del primo manifesto dell’arte futurista del 1909 come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero e Gino Severini, e i loro giovani seguaci come Ivo Pannaggi, Sante Monachesi, Umberto Peschi, Wladimiro Tulli, Gerardo Dottori e Tullio Crali. Uno spaccato che aiuta a comprendere gli sviluppi che il Futurismo ha avuto nelle Marche a partire dal 1922. La mostra è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e dal Comune di Senigallia, ed è stata inaugurata ieri all’auditorium San Rocco con gli interventi del sindaco Maurizio Mangialardi, del vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Graziano Mariani, e del curatore della mostra, Stefano Papetti.

«Una mostra fatta dal territorio, per il territorio, con il territorio – ha commentato Mangialardi –, che contribuisce a rafforzare la presenza di Senigallia nel circuito dei grandi eventi espositivi e conferma il protagonismo della città nel panorama culturale-artistico nazionale e internazionale. Questo è un progetto appositamente pensato per Senigallia, dove le influenze del futurismo sono ben presenti nel nostro patrimonio architettonico, a partire dalla Rotonda a mare. Per tale motivo, durante i mesi della mostra, ai visitatori sarà offerta l’opportunità di svolgere un percorso cittadino ad hoc tra gli edifici realizzati nel corso degli anni trenta».

La mostra resterà aperta al pubblico dal martedì al giovedì dalle ore 15 alle ore 20, e il venerdì, il sabato, la domenica, i festivi e i prefestivi dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 20.

Prezzi di ingresso:
Ingresso intero: 7 euro (cittadini di età superiore ai 25 anni)
Ingresso agevolato: 3,50 euro (cittadini dell’Unione europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni e ai docenti delle scuole statali con incarico a tempo indeterminato)
Ingresso ridotto: 5 euro (soci FAI, Touring e Coop Alleanza 3.0 e per quelli acquistati dalla società cooperativa sociale onlus Terrerranti tour Operator)
Ingresso agevolato: 6 euro (per i gruppi di visitatori formati da oltre venti paganti)
Gratuito per tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea, di età inferiore a 18 anni.

Visite guidate:
Sabato, domenica e festivi: ore 16, ore 17,30 e ore 19. In caso di aperture serali anche ore 21,30. Per gli adulti il biglietto di 9 euro comprende ingresso e visita guidata alla mostra. Agevolazioni per ragazzi e gruppi. Info su prezzi, iscrizioni e prenotazioni su www.terrerranti.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X