facebook rss

Automobilisti indisciplinati,
il Comune prevede multe
per 5,7 milioni di euro

ANCONA – La previsione di incasso dalle sanzioni al codice della strada è stata inserita nel bilancio pluriennale 2018-2020 da approvare a gennaio in Consiglio comunale. Di questi introiti, 2,2 milioni saranno vincolate al potenziamento della sicurezza stradale, un altro 1,1 milione conteggiato nel fondo crediti di “dubbia riscossione”. I restanti 2,4 milioni finiscono per fare cassa
Print Friendly, PDF & Email

 

Anconetani indisciplinati al volante, il Comune prevede di staccare multe per violazioni al codice della strada per un totale di 5,7 milioni di euro, solo nel 2018. L’incasso previsto è stato inserito tra le cifre del bilancio 2018/2020, che sarà portato in Consiglio comunale il prossimo gennaio per l’approvazione. La previsione è in linea con gli introiti degli ultimi anni e in parte servirà per affrontare le spese imposte dalla legge per il potenziamento della sicurezza urbana e della sicurezza stradale, oltre che dell’attività di controllo e accertamento delle violazioni. Di questo tesoretto da incassare dagli automobilisti dunque, 2,2 milioni saranno vincolati e destinati proprio per queste attività di sicurezza stradale. Un altro 1,1 milione di incasso dalle multe finirà nel fondo crediti di dubbia e difficile esazione, ovvero l’accantonamento che la legge impone al Comune, per ammortizzare tutte quelle cifre che la Ragioneria non riuscirà a riscuotere. Al netto di questi obblighi, restano 2,4 milioni di incassi dalle sanzioni per violazioni del codice della strada che il Comune può spendere liberamente. A questi vanno poi aggiunte le multe degli ausiliari del traffico di M&P.

Ma dove vanno a finire questi incassi? In particolare, il Comune prevede di investire 365mila euro dai proventi delle multe per la segnaletica stradale, 193mila euro per la manutenzione dei semafori, 177mila euro per l’acquisto di attrezzature per la polizia municipale, 392mila euro per la manutenzione e il potenziamento dei sistemi di rilevazione delle infrazioni, quindi anche autovelox e telelaser, 315mila euro per la manutenzione delle strade comunali, 400mila euro per il miglioramento della pubblica illuminazione, 142mila euro per la vigilanza degli attraversamenti pedonali davanti alle scuole, 35mila euro per l’assunzione di personale stagionale, 80mila euro per la previdenza integrativa e legale per i vigili urbani, infine 144mila euro per l’acquisto e manutenzione delle dotazioni della polizia municipale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X