facebook rss

Privo di sensi viene soccorso dal 118,
si riprende e scappa per i campi:
task force per cercarlo

OSIMO - L'allarme è stato lanciato ieri sera attorno alle 20.30 quando alcuni passanti hanno visto un ragazzo accasciarsi ai bordi della strada del Coppo. Mentre i soccorritori prestavano le prime cure, ha ripreso conoscenza e si è dato alla fuga nelle campagne circostanti. Le ricerche da parte di vigili del fuoco e carabinieri hanno dato esito negativo
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Si è accasciato privo di sensi ai bordi della strada del Coppo, nei pressi dell’american bar. Appena il personale sanitario gli ha prestato le prime cure, si è subito ripreso. Ma invece di rimanere per un controllo, si è alzato da terra e s’è messo a correre all’impazzata, scappando dai soccorritori e fuggendo lungo i campi che circondano Sirolo. Per cercarlo è stata allestita una task force che ha portato i carabinieri di Osimo, i vigili del fuoco e i militi della Croce Bianca di Numana a girovagare per circa un’ora nelle campagne circostanti. Ma del fuggitivo, un ragazzo di 25 anni residente a Camerano, nessuna traccia. Il giovane, che ha problemi di tossicodipendenza, non si è fatto trovare. Ieri sera, attorno alle 20.30, erano stati alcuni passanti ad avvertire il 118 della presenza di un ragazzo che si era accasciato ai bordi della strada. Quando i soccorsi sono arrivati sul posto, supportati dai carabinieri di Osimo, lo hanno trovato privo di sensi. Forse, un malore causato da un abuso alcolico o di sostanze stupefacenti. Mentre stavano prestando le prime cure, il 25enne ha ripreso conoscenza e, come un fulmine, si è dato alla fuga notturna. Viste le condizioni di salute del giovane e il timore che potesse essere colto da un altro malore, è stato deciso di allestire una sorta di task force per trovare il ragazzo. Alle ricerche hanno partecipato anche i vigili del fuoco che hanno perlustrato tutte le zone attorno al Coppo illuminando le campagne con delle torce. Alla fine, il 25enne non è stato trovato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X