facebook rss

Bandi con il Gal,
arriva il Facilitatore

COLLI ESINI - Riguarda i comuni di Fabriano, Sassoferrato, Genga, Cerreto d'Esi e Matelica il Progetto integrato locale per cui si cerca ora un "Facilitatore". Sono figure previste dai Pil iscritte in uno speciale elenco regionale. Incarico per cinque anni con diecimila euro di stipendio all'anno.
Print Friendly, PDF & Email

Opportunità di lavoro in vista dell’attuazione dei Progetti integrati locali detti Pil, con il Gal Colli Esini – San Vicino e il comune di Fabriano come capofila. Arriva il facilitatore di progetti locali: per questo ruolo è aperto un bando di cinque anni con diecimila euro di stipendio all’anno. Una possibilità in più per chi dovrà lavorare al progetto Pil, dovrà avere particolari caratteristiche, soprattutto quella di essere iscritto nell’elenco regionale dei “Facilitatori dello sviluppo locale”, approvato con decreto del Dirigente del Servizio Politiche Agroalimentari n. 198 del 26 maggio 2017.

Il Facilitatore dello sviluppo locale lavorerà con il GAL Colli Esini San Vicino per la gestione e animazione del “PIL dell’Appennino”, che riguarda il piano di sviluppo locale 2014-2020, e nasce dall’accordo tra i comuni di Fabriano, Sassoferrato, Genga, Cerreto d’Esi e Matelica.
L’incarico avrà la durata massima di cinque anni ed è condizionato alla presentazione del progetto da parte del Comune capofila del “Pil dell’Appennino” nei termini previsti dal relativo bando ed al relativo riconoscimento di ammissibilità. Al Facilitatore sarà riconosciuto il compensomassimo di € 10.000,00 annui, comprensivi di Iva e di ogni altro onere di legge, a fronte di un impegno lavorativo stimato in sessantacinque giorni annui.Il facilitatore deve essere iscritto nell’apposito elenco,

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X