facebook rss

‘La salute della bocca’,
record di adesioni allo screening
e individuati casi sospetti

FALCONARA - La relazione con i dati presentata questa mattina alla presenza dell’arcivescovo Angelo Spina, del sindaco Stefania Signorini, degli organizzatori e degli odontoiatri volontari che hanno eseguito le visite tra l’8 e il 12 gennaio, ricevuti dal direttore generale dell’azienda Ospedali Riuniti, Michele Caporossi. Sono arrivate le congratulazioni del ministro alla Sanità Giulia Grillo
lunedì 11 Marzo 2019 - Ore 16:15
Print Friendly, PDF & Email

 

Sono state 971, in prevalenza donne, le persone visitate durante lo screening gratuito dal titolo ‘La salute della bocca’, organizzato dall’8 al 12 gennaio al Centro Pergoli dal Gruppo Amici per lo Sport e dal Comune di Falconara, in collaborazione con l’azienda Ospedali Riuniti di Ancona, l’Asur Marche, l’Università Politecnica delle Marche, l’Inrca, la Lilt e altri enti e associazioni. Il paziente più anziano che si è sottoposto allo screening ha 91 anni, quello più giovane appena 2. Hanno condotto le visite, finalizzate alla prevenzione delle patologie della bocca e promosse in memoria di Gianfranco Badiali, 49 odontoiatri coordinati dal dottor Vittorio Zavaglia, dalla dottoressa Alessandra Nori, dal dottor Daniele Gianfelici, dal professor Maurizio Procaccini e dal professor Andrea Santarelli. Attraverso i controlli di prevenzione sono stati individuati 44 pazienti con lesioni sospette alle mucose, che in un caso hanno permesso di accertare la presenza di un carcinoma in situ (ossia circoscritto e allo stadio iniziale e con ottima prognosi), mentre altre indagini di secondo livello sono ancora in corso presso l’Unità operativa di Odontostomatologia chirurgica e speciale dell’azienda Ospedali Riuniti.

Inoltre, l’analisi dei dati raccolti durante lo screening ha permesso di evidenziare come la popolazione di riferimento con età inferiore ai 18 anni presenti un indice Dmft (denti cariati, mancanti, otturati) basso, indicando una salute orale complessivamente buona; meno soddisfacenti risultano i dati riferibili alla popolazione adulta. Per un quarto dei soggetti è sicuramente migliorabile l’igiene orale domiciliare. La presenza di edentulia (mancanza parziale o totale elementi dentari) è, come prevedibile, maggiormente marcata nei soggetti over 65, così come il ricorso a presidi protesici sia mobili che fissi per porvi rimedio.

La relazione sui partecipanti alle visite e sull’esito dello screening è stata presentata nella mattinata di oggi, lunedì 11 marzo, nella sala Gino Tosolini dell’azienda Ospedali Riuniti di Ancona dal professor Andrea Santarelli e dal dottor Vittorio Zavaglia. Il direttore generale Michele Caporossi ha ricevuto, oltre al sindaco di Falconara Stefania Signorini e ai rappresentanti del Gruppo Amici per lo Sport che hanno organizzato lo screening, capitanati da Tarcisio Pacetti, anche Monsignor Angelo Spina, arcivescovo di Ancona-Osimo. Erano presenti rappresentanti di Univpm, il vicepresidente del Comitato italiano paralimpico Marche Roberto Novelli e i 49 odontoiatri che a titolo di volontariato si sono messi a disposizione dei cittadini per eseguire lo screening. Ai professionisti è stato consegnato un attestato di partecipazione. Nell’occasione è stato letto il messaggio inviato dal ministro della Sanità Giulia Grillo. Quanto ai numeri delle visite gratuite, queste hanno riguardato 505 donne e 466 maschi. La fascia di età più numerosa è stata quella dai 41 ai 60 anni: 275 le persone visitate, di cui 119 maschi e 156 femmine. Seguono i pazienti di età compresa tra i 21 e i 40 anni, in totale 183 (72 uomini e 111 donne), quelli dai 71 anni in poi, in tutto 170 (90 uomini e 80 donne). Al quarto posto la fascia di età tra i 61 e i 70 anni, con 168 pazienti (90 uomini e 78 donne), al quinto i ragazzi fino a 14 anni, in totale 135 (69 maschi e 66 femmine), per concludere con i giovani dai 15 ai 20 anni, in tutto 40 (19 maschi e 21 femmine).

«Voglio esprimere la mia gratitudine alle tante persone, alle tante istituzioni che collaborano a questi eventi finalizzati alla prevenzione – ha detto il sindaco Stefania Signorini – e soprattutto al Gruppo amici per lo sport per aver avviato da anni un percorso che abbiamo fatto insieme. Per la nostra amministrazione le priorità sono la salute e l’ambiente e gli screening sono fondamentali. Il Gas porta con sé un’energia positiva che riesce a coinvolgere altre associazioni: sono orgogliosa di un gruppo così vitale e del fatto che il volontariato sia così attivo nella nostra città».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X