facebook rss

Da escort ad aguzzina di un anziano:
arrestata una 41enne per estorsione

OPERAZIONE - Vittima un 83enne di Falconara a cui, in pochi mesi, sarebbero stati spillati 3mila euro. In un primo momento, tra i due ci sarebbe stata una conoscenza intima, poi lei avrebbe continuato a pretendere soldi sotto minaccia. E' stata portata in carcere
lunedì 16 Settembre 2019 - Ore 14:34
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

I carabinieri della Compagnia di Senigallia, in collaborazione con i colleghi della Tenenza di Falconara Marittima, hanno arrestato una 41enne di etnia rom per il reato di estorsione ai danni di un anziano di Montemarciano. Il blitz è scattato in un bar al centro di Falconara. I carabinieri in appostamento, travestiti da operai stradali, hanno bloccato la donna subito dopo che aveva intascato il denaro che l’anziano era stato costretto a consegnare dietro intimidazioni e minacce. Estorsore e vittima si erano conosciuti per caso a ottobre dell’anno scorso, nei pressi di una bancarella al mercato rionale di Falconara dove l’83enne, vedovo, si era recato per fare la spesa. La donna, avendo capito che lui era solo, lo aveva adescato proponendogli di stringere un’amicizia intima con lei. Da quel giorno i due avevano iniziato a vedersi frequentemente. Ovviamente la donna, ad ogni incontro, per la compagnia offerta, chiedeva una ricompensa in piccole somme di denaro in prestito, mai restituite, o qualche regalino. L’anziano, che vive di semplice pensione, dopo un po’ di tempo, si è reso conto che quell’amicizia era a caro prezzo e non poteva più andare avanti così. A quel punto la donna, indispettita per la drastica decisione, ha preteso gli incontri anche al solo fine di ottenere i piccoli prestiti di denaro che comunque non ha mai restituito. Quando l’anziano si è opposto, tentando di farle capire di non essere in grado di far fronte alle continue richieste di denaro, la rom ha fatto intervenire un uomo, presentandolo come suo fratello, che lo avrebbe minacciato di gravi conseguenze alla sua incolumità personale se non l’avesse accontentata. Dopo alcune settimane, nelle quali è stato costretto dietro le intimidazioni a consegnare il denaro, il pensionato si è rivolto alla caserma di Montemarciano raccontando quello che gli stava capitando. I carabinieri hanno atteso la successiva richiesta di denaro da parte della donna e si sono appostati nel bar indicato come luogo dell’incontro. Vestiti con la tuta arancione da operaio non hanno destato sospetti. Quando l’anziano ha consegnato alla donna 200 euro, le cui banconote erano state precedentemente fotografate, è scattata l’operazione. L’aguzzina è stata bloccata mentre metteva nella sua borsa la tangente appena ricevuta. L’anziano ha riferito di aver consegnato alla 41enne, dal momento della loro conoscenza, anche in modiche cifre, la somma complessiva di oltre 3mila euro. La donna, residente a Falconara Marittima  è stata associata nella sezione femminile del carcere di Pesaro Villa Fastiggi. Sono ancora in corso le indagini volte alla identificazione dell’uomo che avrebbe spalleggiato la 41enne nella condotta estorsiva.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X