facebook rss

Al Cinemuse arriva ‘Thanks!’,
il film in anteprima regionale

ANCONA - La pellicola del drammaturgo, sceneggiatore, attore e regista pesarese sarà proiettata oggi pomeriggio, con replica stasera, nella sala cinema al Ridotto del Teatro delle Muse
sabato 5 Ottobre 2019 - Ore 11:23
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Adriana Malandrino

Un’imperdibile occasione. In anteprima regionale Marche Teatro presenta ad Ancona, al Cinemuse (sala cinema al Ridotto del Teatro delle Muse) Thanks! il film tratto dalla fortunata opera teatrale del pesarese Gabriele Di Luca, Thanks for vaselina (Premio Hystrio-Castel dei Mondi). Proiezione oggi pomeriggio, sabato 5 ottobre alle ore 18.15, replica ore 21.15. È da tempo che Marche Teatro è co-produttore degli spettacoli di Carrozzeria Orfeo, sostenendo convintamente una delle compagnie più interessanti del panorama contemporaneo. Nato a Pesaro nel 1981, Di Luca è drammaturgo, sceneggiatore, attore e regista. Nel 2008, insieme a Massimiliano Setti e Luisa Supino, ha fondato la compagnia teatrale Carrozzeria Orfeo. A settembre ha ricevuto il Premio Le Maschere del Teatro Italiano come migliore autore di novità italiana per lo spettacolo Cous Cous Klan. La storia di questo film comincia invece nel 2013, con il debutto a teatro di Thanks for Vaselina, spettacolo diventato un cult. Poi, nel 2017, l’idea di farne un film e nel 2019 l’uscita nelle sale. Nel cast vediamo: Angelo Foletto, Massimiliano Setti, Beatrice Schiros, Francesca Turrini, Maria Chiara Augenti, Giuseppina Merli, con Claudio Bigagli e con Luca Zingaretti. Il soggetto è di Gabriele Di Luca, Luca Infascelli, Gianni Romoli. La storia è quella di Fil e Charlie (Folletto e Setti), entrambi trentenni, che coltivano marijuana nell’appartamento in cui vivono, in un quartiere povero e degradato. Poi l’idea di una piantagione in Messico, l’intento di gabbare le forze dell’ordine con la complicità di una cane e una donna di nome Wanda, le cui storie si intrecciano a quelle di altri perdenti sconclusionati, ovvero quella di una una cinquantenne ludopatica appena uscita da una clinica per disintossicarsi dal gioco e di Annalisa (Luca Zingaretti), padre di Fil, diventata nel frattempo una transessuale. Tutto gronda di malinconia, umorismo, umanità e sregolatezza.

“Thanks nasce come spettacolo teatrale e abbiamo deciso di trasformalo in film per raccontare anche cinematograficamente quel mondo marginale e poco esplorato dal cinema italiano, attraverso i modi di una commedia amara, cinica. Il film, come lo spettacolo, è molto divertente, emozionante e narra una storia potentemente calata nel presente, tra amore, esseri umani sconfitti e falliti, lasciati in un angolo ma alla disperata ricerca di stabilità e affetto- racconta il regista- È un linguaggio, quello di Thanks! con il quale è facile identificarsi, un linguaggio politicamente scorretto ma non fine a se stesso, che disgrega le ipocrisie del nostro tempo, che ci sono anche nelle famiglie. La storia ha alla base una grande follia”. Dal teatro al cinema è stato quasi naturale. “Pensavamo, come molti critici, che la commedia italiana andasse in qualche modo rinnovata, il testo si prestava allo schermo e così abbiamo iniziato a cercare dei produttori. Li abbiamo trovati e abbiamo iniziato questa avventura. Per me è stata la prima esperienza come regista, ho scelto quindi di non recitare, al contrario della versione teatrale. C’era già un grande lavoro da fare nella trasposizione, abbiamo infatti dovuto scrivere la sceneggiatura, mantenendo però il carattere intrinsecamente teatrale del testo, che è un valore aggiunto. Che dire, è stata un’esperienza meravigliosa, con i colleghi, gli attori, il reparto tecnico. E Luca Zingaretti, che fa la parte di un transessuale, è stato strepitoso, una grande attore e una grande persona, un professionista umile e disponibile”. Un’umanità instabile, una favola metropolitana contemporaneamente reale, nera e grottesca. Thanks! è tutto questo e si muove sempre sul confine. Nel 2020 Marche Teatro produrrà anche il nuovo spettacolo di Carrozzeria Orfeo: “Lo sto scrivendo ora, sarà una grande sfida e si intitolerà Miracoli Metropolitani, il linguaggio sarà sempre quello che mi appartiene, ovvero quello della tragicommedia”. Ingresso proiezione intero euro 10, ridotto euro 7. Tra i due incontri la giornalista Lucilla Niccolini dialogherà con Di Luca e l’attore Massimiliano Setti, ingresso gratuito. Biglietti on line www.geticket.it e da un’ora prima della proiezione direttamente al Cinemuse. Per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, [email protected]

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X