facebook rss

Charlotte Casiraghi scrive un libro
con il suo professore di liceo,
l”osimano’ Robert Maggiori

'ARCIPELAGO DELLE PASSIONI' da oggi in libreria, è stato presentato ieri a Milano. L'insegnante della principessa di Monaco, filosofo e critico letterario francese, ha lasciato con la famiglia la città dei 'senza testa' e le Marche quando era ancora ragazzino
lunedì 7 Ottobre 2019 - Ore 16:35
Print Friendly, PDF & Email

Robert Maggiori e Charlotte Casiraghi

 

 

Charlotte Casiraghi scrive un libro a quattro mani con il suo professore di liceo, Robert Maggiori, filosofo, critico letterario francese ma nato ad Osimo. Quando era ancora ragazzino, a 11 anni, l’intellettuale, oggi 72enne, ha lasciato la città dei ‘senza testa’ e le Marche per trasferirsi con la famiglia a Melun, capoluogo del dipartimento di Senna e Marna nella regione dell’Île-de-France. Da studente brillante, dopo la laurea ed il dottorato alla Sorbona, è diventato docente di filosofia, autore di saggi, firma del quotidiano ‘Liberation’ e di altre riviste scientifiche per articoli di critica letteraria e filosofica. Ieri sera, 6 ottobre, al teatro Parenti di Milano, gli autori di ‘Arcipelago delle passioni’ edito da ‘La nave di Teseo’, sono stati i protagonisti della prima serata del festival ‘Viaggio d’autunno’ della Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi. Il libro della principessa di Monaco e del suo insegnante vuole essere un dialogo a tutto campo sui sentimenti che influenzano l’esistenza umana, dall’amore alla gelosia, dall’amicizia all’odio, dal coraggio alla vergogna. «Un piccolo trattato sulle passioni – si legge nella presentazione del volume da oggi in libreria – che invita a scoprire le invisibili connessioni che le collegano, attraverso la storia della filosofia antica e moderna e le nuove frontiere del pensiero contemporaneo. Le passioni ci circondano come le isole di un arcipelago, non possiamo evitare di attraversarle: questo libro è un atlante sentimentale che percorre la corrente invisibile che le intreccia ai nostri destini».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X