facebook rss

Fugge al posto di blocco, inseguito
e denunciato un 38enne ubriaco

SENIGALLIA - L'uomo di nazionalità tunisina non si era fermato all'alt intimato dai carabinieri. E' stato bloccato e denunciato per guida in stato d'ebbrezza
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri della Compagnia di Senigallia

Fugge al posto di controllo dei carabinieri perché ubriaco, notte “brava” di un tunisino che è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza. A finire nei guai un tunisino di 38 anni la cui auto è stata notata all’1,30 circa su via Galileo Galilei a Senigallia. I militari hanno intimato l’alt al conducente, che inizialmente ha rallentato, come se stesse per fermarsi, ma poi improvvisamente ha accelerato e si è dato alla fuga. I militari si sono posti immediatamente all’inseguimento, per le vie vicine, e non lo hanno perso di vista finché non lo hanno raggiunto, in via Cavalieri di Vittorio Veneto. Una volta bloccata l’auto, l’uomo alla guida è stato identificato. Manifestava in maniera evidente i sintomi dell’abuso di alcool. Egli stesso ammetteva di non essersi fermato all’alt perché poco prima aveva bevuto della birra, e sapeva di aver violato il codice della strada. E’ stato quindi sottoposto al test con etilometro, che è risultato ovviamente positivo, rilevando un tasso di 1,28 g/l. Gli è stata quindi ritirata la patente ed è stato denunciato all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza. Inoltre, essendo fuggito all’alt dei Carabinieri è stato sanzionato amministrativamente per l’ulteriore violazione commessa, con segnalazione alla Prefettura di Ancona. Le due violazioni gli costeranno ben 13 punti sulla patente.
Ma la sua nottata “brava” non è finita qui. Una volta giunto a casa, in stato di agitazione dovuto all’assunzione dell’alcool, ha litigato con i familiari, tanto che alle 4,30 la madre, esasperata da quella situazione, ha chiesto l’intervento dei Carabinieri presso la loro abitazione di Montemarciano. I militari, giunti sul posto, dopo aver parlato con tutti i presenti, sono riusciti a riportare la situazione alla calma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X