facebook rss

Malore fatale alla fermata del bus:
morto un ex pugile di 63 anni

ANCONA - Si chiama Kachama Musasa, originario del Congo ma da anni residente nel capoluogo, l'uomo trovato senza vita questa mattina in via XXIX settembre. Era fermo alla pensilina in attesa del bus che lo avrebbe portato al lavoro, alla Baraccola
Print Friendly, PDF & Email

Kachama Musasa foto Fb)

 

E’ stato trovato a terra questa mattina, privo di vita, lungo via XXIX settembre, all’altezza della pensilina del bus. A lanciare l’allarme è stata una donna che si stava  recando al lavoro. Immediatamente ha chiamato il 118 e fermato una pattuglia dei carabinieri in transito. Quando sono arrivati i soccorsi, per l’uomo non c’era più nulla da fare. La vittima è a Kachama Musasa, 63enne originario del Congo ma da anni residente in città e noto per essere un ex pugile. Nel 2013 si era anche candidato come consigliere comunale con la lista di Fratelli d’Italia. Operaio alla Gls, ad Ancona viveva da solo in un appartamento di piazza Stracca e questa mattina, poco dopo le 6, era andato a prendere l’autobus per recarsi al lavoro. Il malore fatale è avvenuto proprio alla pensilina di via XXIX settembre, quando si è accasciato al suolo, perdendo i sensi. Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118 insieme ai carabinieri di Ancona Centro e del Norm, e una pattuglia della guardia di finanza. La zona del marciapiede è stata delimitata con del nastro bianco e rosso per permettere le operazioni di rimozione del corpo. In centro è arrivato anche il medico legale che, da una prima ricognizione, ha attribuito la morte del 63enne a un malore fatale. Nessun segno di violenza sul corpo. I carabinieri del Norm, guidati dal capitano Vittorio Tommaso De Lisa, sono anche andati a casa dello straniero per un sopralluogo. L’uomo viveva solo e non ha parenti nel capoluogo dorico. Su disposizione del pm Daniele Paci, la salma è stata liberata.  Il riconoscimento è stato possibile grazie ai documenti che l’uomo aveva con sé.

(al.big.)

(servizio aggiornato alle 10,40)

Le forze dell’ordine sul posto dopo il rinvenimento del cadavere

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X