facebook rss

Gira l’Italia a piedi
per far conoscere la sclerosi tuberosa

LORETO -  Accolto stamattina in Comune il padovano Elio Brusamento: da due anni vuole sensibilizzare cittadini e amministrazioni  su questa malattia rara che colpisce soprattutto i più piccoli
Print Friendly, PDF & Email

Elio Brusamento ricevuto dal vice sindaco di Loreto

A metterli tutti in fila si attraverserebbero gli interi Stati Uniti coast to coast. E anche qualcosa di più. Sono 9mila i chilometri percorsi a piedi da Elio Brusamento dal 2019 ad oggi: padovano, 69 anni, Brusamento ha deciso di toccare in questa sua specialissima maratona più Comuni italiani possibili per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della Sclerosi Tuberosa, malattia rara che colpisce soprattutto i neonati e della quale si parla ancora troppo poco. Oggi è stata la volta di Loreto, dove è stato accolto dal vicesindaco Nazzareno Pighetti a nome di tutta l’Amministrazione comunale. Il viaggio dell’ex infermiere Brusamento è iniziato il 25 aprile di due anni fa, dopo aver donato ogni suo bene alla Caritas, e aveva l’obiettivo di toccare i borghi italiani. Poi, la notizia che il figlio di un suo amico era affetto dalla Sclerosi Tuberosa ha cambiato le prospettive: sensibilizzare le persone su una malattia tanto unica quanto rara che colpisce i bambini appena nati. Ed è così che, strada facendo, ha consumato 7 paia di scarpe, conosciuto oltre 7mila persone e visitato 660 comuni venendo ricevuto dalle rispettive amministrazioni. La Sclerosi Tuberosa è una malattia genetica caratterizzata dalla comparsa di tuberi, piccoli tumori benigni che si diffondono su organi diversi del corpo e anche sulla pelle del bambino e che a lungo andare provocano forti disabilità motorie. Il vicesindaco di Loreto Nazzareno Pighetti ha fatto oggi gli onori di casa per Brusamento, che con la visita odierna ha toccato i 660 comuni in tutta Italia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X