facebook rss

Violenza sulle donne,
presentati gli eventi di Univpm,
‘Donne e Giustizia’ e Cri

ANCONA - L’Università Politecnica delle Marche oggi ha presentato la convenzione tra ateneo e associazione e le iniziative promosse per la ricorrenza del 25 novembre anche con la Croce Rossa Italiana.
Print Friendly, PDF & Email

 

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, oggi, mercoledì 23 novembre, l’Università Politecnica delle Marche ha presentato alcune iniziative dell’ateneo in collaborazione con l’associazione Donne e Giustizia e la Croce Rossa Italiana- Comitato di Ancona. Dopo i saluti istituzionali del rettore Gian Luca Gregori, del dg Alessandro Iacopini e della presidente Cug Chiara de Fabritiis, la referente Pari Opportunità di ateneo Giulia Bettin ha illustrato la convenzione tra Univpm e l’Associazione Donne e Giustizia. «Si tratta di un accordo di collaborazione triennale, – spiega una nota dell’Univpm – nell’ambito del quale verranno promosse e sviluppate attività di supporto alle donne nel loro percorso di fuoriuscita dalla violenza e attività di prevenzione di ogni forma di violenza alle donne (fisica, sessuale, economica, psicologica), attraverso iniziative di sensibilizzazione e di accrescimento della consapevolezza rivolti alla comunità accademica, studentesca e all’intera cittadinanza. Laddove possibile, si cercherà di dare impulso ad attività di coprogettazione e di promuovere la partecipazione congiunta a bandi regionali, nazionali, europei e internazionali sul tema delle pari opportunità e della violenza di genere».

La criminologa Margherita Carlini dell’Associazione Donne e Giustizia ha poi presentato le attività del Centro Antiviolenza di Ancona e l’avvio di un progetto congiunto per l’apertura di uno sportello dedicato a personale e comunità studentesca Univpm, curato e gestito dalle operatrici del centro stesso. Donne e Giustizia è un’associazione che può definirsi storica sul territorio anconetano in quanto fondata nel 1984. Da allora l’attività di sostegno in favore delle donne vittime di violenza non si è mai fermata e i dati del fenomeno mostrano che non è possibile fermarsi. La violenza contro le donne è radicata nella cultura, nel tempo è diventata più visibile, ma non così diversa da ieri. Le donne oggi muoiono sotto i riflettori, ma continuano a morire. Dietro al femminicidio c’è un vissuto tragico di tante donne che con coraggio intraprendono il loro percorso di uscita dalla violenza e l’azione svolta dai Centri Antiviolenza a supporto di questo percorso è di fondamentale importanza. La metodologia di accoglienza che caratterizza i Centri Antiviolenza, basata su un approccio di genere e sui principi della Convezione di Istanbul, garantisce alle donne uno spazio di ascolto e rielaborazione, di empowerment. E garantire questo spazio alle ragazze e alle donne della comunità accademica di Univpm è l’obiettivo del progetto di sportello dedicato, a cui l’Ateneo e l’Associazione Donne e Giustizia stanno concretamente lavorando e che vedrà la luce nel 2023.

Si chiama “Voce di donna”, il progetto realizzato dai Giovani della Croce Rossa Italiana del Comitato di Ancona in collaborazione con l’Associazione Donne e Giustizia. Questa iniziativa di sensibilizzazione sul tema della violenza contro le donne è stata presentata da Martina Perpetua volontaria Croce Rossa Italiana Comitato di Ancona e Irene Pastore responsabile comunicazione Croce Rossa Italiana Comitato di Ancona hanno, ha l’obiettivo di promuovere una sana cultura del rispetto di genere nell’intera comunità, e tra i giovani in particolare. Per questo nella giornata di venerdì 25 novembre dalle ore 9.30 alle 16 verrà allestita al Polo Monte Dago (presso il bar della facoltà di Ingegneria) una postazione dove sarà possibile ascoltare le testimonianze di donne vittime di violenza, raccolte dall’Associazione Donne e Giustizia e registrate dai giovani volontari della Croce Rossa. “Voce di donna” farà tappa anche nelle altre sedi dell’ateneo di Torrette e Villarey la settimana successiva, rispettivamente il 29 novembre e il 1 dicembre, dalle 14 alle 18.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X