facebook rss

Stangata lampade votive,
Mariani: “Affare per il Comune”

OSIMO - La capogruppo del Gruppo misto evidenzia che " il servizio costa 57.000 euro, la tariffa 2017 garantisce un gettito di 225.000 euro"
giovedì 14 settembre 2017 - Ore 17:57
Print Friendly, PDF & Email

“Luci votive di Osimo, il servizio costa 57.000 euro, la tariffa applicata nel 2016 garantiva un incasso di 175.000 euro”. Secondo Maria Grazia Mariani, capogruppo del gruppo misto, si è trattato di “un bell’affare: 120.000 euro di guadagno per l’ammimistrazione comunale. Nel 2017 le tariffe aumentano per garantire a fronte degli stessi costi un gettito di 225.000 euro”. La consigliera torna a parlare dei ritocchi alla tariffa del servizio di luci votive scoperto dagli utenti osimani solo pochi giorni fa (leggi l’articolo).

“Le tariffe sono state approvate in occasione del bilancio di previsione 2017 – ricorda la Mariani- Non una parola da parte del sindaco in merito all’aumento. A fine settembre dovremmo approvare il Documento di programmazione (Dup) per il 2018 che di fatto non dice nulla tanto che anche il collegio dei revisori dei conti, nella sua relazione si è riservato di esprimere il parere in merito all’attendibilita’ e congruita’ del documento. Niente male. Quali saranno le sorprese per il 2018?”

Maria Grazia Mariani nella Sala Gialla

Nella relazione, infatti il collegio dei revisori del Comune di Osimo, sottolinea che il programma triennale dei lavori pubblici 2018-2020 “non è stato approvato ed il Dup contiene il riferimento al programma 2017-2019” e così per la programmazione del fabbisogno del personale e per il piano delle alienazioni. I revisori evidenziano inoltre che “il piano biennale degli acquisti di beni e servizi, secondo il nuovo codice dei contratti che introduce tale obbligo, nel caso del Comune di Osimo per acquisti superiori a 40.000 euro, l’ente non ha ancora provveduto non essendo stato ancora pubblicato il decreto attuativo e riservandosi di farlo in sede di redazione della nota di aggiornamento. Per quanto riguarda gli acquisti superiori a un milione di euro non ha previsto di effettuare tale tipologia di acquisto”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X