facebook rss

Ladri scatenati: smurata
una cassaforte dall’appartamento

ANCONA – Il colpo è stato assestato ieri pomeriggio in un’abitazione di via Gioberti. I banditi, dopo essere entrati da un finestra, si sono diretti in camera da letto per asportare con un frullino una piccola cassaforte. E' il settimo furto in casa nell'arco di tre giorni
venerdì 17 Novembre 2017 - Ore 17:38
Print Friendly, PDF & Email

La cassaforte smurata in via Gioberti

 

Non si arrestano i blitz dei ladri in città: svaligiato l’ennesimo appartamento. Dopo i colpi assestati tra Varano e il quartiere Adriatico (leggi l’articolo), ieri pomeriggio una batteria di criminali si è introdotta in un’abitazione di via Gioberti, smurando la cassaforte della camera da letto e portando via gioielli per un valore che non supera i mille euro. Ingenti i danni al muro della stanza, completamente sventrato. Sul posto, per i rilievi sono giunti subito gli agenti delle Volanti che sono ora a caccia della gang che da inizio settimana sta mettendo sotto scacco l’intero capoluogo. Alcuni testimoni avrebbero visto scappare con il bottino tre malviventi, forse lo stesso gruppetto che mercoledì è sfuggito alla polizia all’altezza di via Raffaello Sanzio, dopo un furto fallito in via Crivelli. Ieri, il colpo è andato a segno attorno alle 17. I banditi si sarebbero arrampicati lungo le grondaie per poi spaccare una finestra per introdursi all’interno dell’appartamento situato al primo piano del condominio di via Gioberti. Senza passare in rassegna altre stanze, sono andati subito verso la camera da letto. È qui che, dopo aver spostato un mobile, hanno trovato la cassaforte. Sarebbe stata smurata con un frullino. Qualche vicino di casa delle vittime, due coniugi anconetani, ha sostenuto di aver sentito dei rumori, pensando però che si potesse trattare di alcuni lavori edili. Era invece un furto in piena regola. Dopo il blitz, i ladri sono scappati a piedi aiutati dal buio della sera.

Raffica di furti in città, tre sospetti braccati dalla polizia

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X