facebook rss

Emergenza Coronavirus,
annullata la cerimonia al campo da rugby
per salutare Nikita

JESI - Mercoledì doveva tenersi la commemorazione laica per l'addio al ragazzo scomparso nel sonno a 16 anni. Questo pomeriggio, il prefetto ha ritenuto opportuno bloccare le esequie, temendo l'assembramento di persone
Print Friendly, PDF & Email

Nikita Panfoli in campo con la sua squadra, la Jesi rugby U18

 

Aggiornamento delle 15,30 – Il Prefetto di Ancona ha bloccato la commemorazione per Nikita, sebbene la si volesse svolgere all’aperto, temendo grande affluenza e quindi assembramento persone, a discapito delle prescrizioni previste per contenere la diffusione del Covid-19. Pertanto sarà solo allestita la camera ardente nella Casa del Commiato di Bondoni a Castelplanio. Mercoledì alle 16 ci sarà il trasferimento direttamente al cimitero di Moie. «Appena questo incubo passerà – ha scritto il papà sui social – saluteremo Nikita nel migliore dei modi e sarà ancora più bello e potrete venire tutti, non dovremo più preoccuparci di baciarci e abbracciarci perché questa era una cosa che Nikita faceva con tutti e che vorrebbe anche per noi».

Nikita credeva fortemente in una cosa: nel rugby, quello sport che aveva iniziato da piccolino e che portava avanti con passione e determinazione. Sarà proprio il campo da rugby “Carlo Quaresima”, a Mazzangrugno, il suo campo già attraversato innumerevoli volte, ad accogliere l’ultimo saluto a Nikita Panfoli, il 16enne di Castelbellino Stazione morto nel sonno venerdì.. Quanti vorranno salutare Niki per l’ultima volta, potranno farlo mercoledì alle 15. Ma non sarà una cerimonia religiosa, piuttosto una commemorazione.  Oltretutto, le recenti ordinanze per evitare la diffusione del Coronavirus avrebbero impedito una massiccia partecipazione di amici e conoscenti se il funerale si fosse svolto in una chiesa o in un luogo chiuso. Il Campo da Rugby di Jesi è stata la soluzione ideale. «Fin da piccolo Nikita quel campo l’ha attraversato innumerevoli volte – ha scritto Roberto, il padre,  su Facebook – per rispettare sempre il carattere incredibile di Niki abbiamo deciso di intervallare la commemorazione tra omaggi, testimonianze, canzoni, poesie… L’unica cosa che ci interessa è salutare insieme quel piccolo grande guerriero dal cuore immenso che era Nikita». Oggi all’istituto di medicina legale di Torrette si svolgerà l’autopsia. Poi l’ultimo addio con tutte quelle persone che lo hanno conosciuto e amato.

(tafre)

 

Sconcerto a Castelbellino per Nikita, morto nel sonno a 16 anni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X