facebook rss

Daniele Silvetti a fianco di Dino Latini:
«Per vincere le Regionali
sarà determinante anche Osimo»

IL COORDINATORE regionale di Forza Italia prende le difese del leader delle Liste civiche già proiettato verso le competizione elettorale del 2020. «Gli attacchi postumi nei suoi confronti non alimentano di certo il dialogo e scoraggiano una qualsiasi ipotesi di allargamento del centrodestra»
Print Friendly, PDF & Email

Daniele Silvetti (foto Giusy Marinelli)

 

«Forza Italia esprime autentica e convinta vicinanza umana e politica a Dino Latini ribadendo ancor più oggi la validità del proprio sostegno al progetto civico dallo stesso rappresentato alle recenti consultazioni amministrative. È indubbio infatti che la coalizione delle liste civiche supportata anche da Forza Italia Osimo ha rappresentato nei numeri l’unica vera alternativa di Governo al centrosinistra. E’ altrettanto vero, vista il concomitante risultato delle Europee, che l’elettorato di centrodestra ha ampiamente riposto la propria fiducia al candidato Latini piuttosto che disperdersi in altri ipotesi ancora troppo individuali». Il coordinatore regionale di Fi, Daniele Silvetti conferma il sostegno al leader delle Liste civiche di Osimo, sconfitto al ballottaggio delle Comunali, lo scorso 9 Giugno, ma pronto a candidarsi alle Regionali 2020, forte anche delle oltre 7000 preferenze incassare proprio alle Amministrative. Se Carlo Ciccioli, il coordinatore regionale di Fratelli D’Italia, ha attaccato sotto il profilo politico e posto l’aut aut a Latini invitandolo al confronto in vista della comptezione elettorale regionale, Silvetti trova invece ingiustificato il je accuse dell’esponente di Fdi.

Dino Latini

«Apprezzabile nei fatti l’atteggiamento della Lega che a livello regionale e provinciale ha manifestato al ballottaggio il proprio sostegno a favore proprio del candidato Latini. Tale atteggiamento rivela per davvero un autentica capacità di visione politica. – scrive ancora il coordinatore regionale di Fi – Gli attacchi postumi, invece, nei confronti di Latini e l’atteggiamento quasi ossessivo nei suoi confronti non alimenta di certo il dialogo e scoraggiano una qualsiasi ipotesi di allargamento del centrodestra in previsione delle prossime regionali del 2020. Non riteniamo particolarmente lungimirante il continuo distinguo ma al contrario, decisamente penalizzante per la colazione di centrodestra che necessita quantomai di allargarsi sul territorio. Solo la capacità di dialogo ed il superamento di questioni antiche potranno portare in dote al prossimo candidato governatore la migliore ed ampia coalizione possibile».

Dino Latini (primo da destra in seconda fila) Mario Araco, Roberto Tozzo e Stefano Simoncini (primi da destra in prima fila) all’incontro con Antonio Tajani vice presidente di Forza Italia

Secondo Daniele Silvetti quindi «i recinti e le esclusioni al contrario, oltre a far desistere potenziali alleati, determineranno il forte limite della proposta politica ed elettorale di centrodestra che al momento risulta essere forte solo sulla carta. Guai se pensassimo di aver vinto. Al contrario ritengo che il cartello politico dovrà essere il più ampio ed articolato possibile al fianco di chiunque sarà incaricato di condurre il centrodestra ad una vittoria storica. Sono ad ogni modo convinto che i vertici regionali dei tre partiti tradizionali di centro destra sapranno svolgere i giusti ragionamenti calmierando qualsiasi pulsione locale superando gli errori ed i metodi del passato. Anche per Osimo passa la lunga marcia verso le Regionali».

 

 

 

Maria Grazia Mariani portavoce di Fratelli d’Italia: «Lavorerò per ricucire il centro destra»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X