facebook rss

Le soluzioni della politica contro i furti
Latini: «In campo pattuglie di volontari»
Pugnaloni: «Penso alla Protezione civile»

OSIMO - Dopo gli ultimi raid ladreschi a San Biagio e all'Aspio l'ex sindaco delle Liste civiche e l'attuale primo cittadino democrat si scontrano sul terreno del progetto sicurezza per la città
Print Friendly, PDF & Email

Stefano Simoncini

 

 

«Mentre praticamente ogni giorni assistiamo a uno o più raid ladreschi nelle nostre case, il sindaco Simone Pugnaloni, anche nell’ultimo consiglio comunale su mia interrogazione, si dice soddisfatto di quanto fatto sulla sicurezza del territorio perché ha comperato qualche telecamera in più ed assunto qualche vigile (Anche se rispetto al 2014 sono molti meno). Non basta. Osimo vuole sicurezza. Solidarietà ed impegno per le frazioni colpite». Commenta così il consigliere comunale Stefano Simoncini, ex sindaco delle Liste civiche l’ultima sortita dei ladri nella frazione di Aspio e San Biagio, avvenuta ieri pomeriggio.

Dino Latini

Anche il leader dei movimenti civici, Dino Latini, in un video registrato proprio a San Biagio ha rimarcato come «cittadini e famiglie si sentono delusi e abbandonate perché non trovano sicurezza delle loro case» dopo i furti che flagellano ormai da tempo le aree del territorio comunale di Osimo, San Biagio, Aspio e Osimo Stazione, ai confini con quello di Ancona. Latini ha quindi lanciato un appello «a coloro che ci comandano e che possono intervenire. Ricordo che dagli anni 2000 al 2012-2’14 le nostre amministrazioni comunali oltre ad aver istituito un accordo intercomunale con le Polizie locali della altre città, avevano istituito una sorta di controllo fatto da tre volontari anziani che giravano tra il pomeriggio e la tarda serata nei quartieri più periferici. Quel servizio pagato dal comune di Osimo oggi è stato tolto. – ha rimarcato l’ex sindaco- Forse invece va riconsiderato. Come liste civiche con pochi volontari ieri abbiamo ‘pattugliato’ la zona visitata dai ladri in aiuto ai residenti. Una pubblica amministrazione deve intervenire. Siamo pronti a dare il massimo aiuto agli abitanti dall’Aspio e San Biagio. Perchè la sicurezza è il primo problema da risolvere in città»

Simone Pugnaloni

Replica immediata sempre sui social media del sindaco democrat Simone Pugnaloni.«C ‘è chi continua a fare l’attore, noi siamo al fianco dei cittadini colpiti dai furti. Non c’è mai stato nel passato fino alle 2 di notte un controllo di associazioni di anziani. Un servizio tra l’altro che il prefetto non avrebbe mai autorizzato perche’ mette a repentaglio la vita di chi eventualmente l’avrebbe svolto senza adeguati mezzi e professionalita’ per difendersi. Ho tanti amici anche io a San Biagio, Aspio ed Osimo stazione e nessuno ha visto le liste civiche di notte. Forse confondono una cena a casa di amici fino a tarda notte come un pattugliamento sul territorio. Basta video, basta idee facendo finta di non conoscere la legge! Sono messaggi che allarmano e terrorizzano, invece di aiutare» ha tuonato il primo cittadino in carica di Osimo. Per Pugnaloni l’unico strumento da sensibilizzare «è un maggiore pattugliamento interforze. Il nostro aiuto è stato per quanto possibile e spero d’aiuto alle forze dell’ordine, la spesa di circa 200 mila euro in nuove telecamere che presto collegheremo da remoto alla centrale di Polizia e Carabinieri. Il controllo di vicinato l’abbiamo ben spiegato ad inizio mandato con un vademecum inviato a tutte le famiglie». Il sindaco di Osimo un’idea però dice di averla: quella di mettere in campo la Protezione civile.« Da tempo penso ad un’idea che potrebbe aiutarci.- scrive- Con l’arrivo della stagione delle pioggie, nei weekend si potrebbe organizzare di notte un giro per monitare fiumi e torrenti della citta’ da parte delle associazioni di protezione civile. L’autovettura che girera’ potra’ controllando il livello delle acque e contemporaneamente presenziare anche quei territori come Aspio, San Biagio, Osimo stazione dove il fiume Aspio ed il fosso Scaricalasino negli anni hanno prodotto tanti danni e che sovente corrisponde proprio alle zone colpite dai furti La presenza della macchina della protezione civile permette una presenza ben visibile sulle strade che sono anche vie di fuga per i ladri. Le stesse potrebbero avvisare le forze dell’ordine di movimenti anomali. Un lavoro di squadra potrebbe essere un deterrente alla situazione attuale».

Ladri scatenati a San Biagio e Aspio: tre in fuga per campi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X