facebook rss

Fabriano e Sassoferrato:
oggi zero contagi
ma l’attenzione resta alta

COVID 19 - I sindaci delle due città in mattinata hanno comunicato solo «buone notizie» parlando di tamponi negativi per chi ieri si è sottoposto al test dopo la segnalazione, nei giorni scorsi, dei 5 casi di pazienti infettati
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Fabriano e Sassoferrato tirano un sospiro di sollievo. Stamattina circolavano solo buone notizie nelle due città dell’entroterra montano nessun nuovo contagio da Covid 19, solo tamponi negativi per chi ieri si è sottoposto al test dopo la rilevazione dei 5 casi scoperti nei giorni scorsi.«Pertanto, la situazione è attualmente stabile e sotto controllo. – fa osservare il sindaco Maurizio Greci – Il numero dei soggetti risultati positivi al virus nel Comune di Sassoferrato, pertanto, rimane fermo a tre, tutti prontamente presi in carico e trattati dal Servizio Sanitario Nazionale che ha provveduto ad attivare le procedure del caso. Rinnovo l’invito alla cittadinanza ad evitare ogni spostamento se non limitato e contingentato alle esigenze indifferibili previste dalla normativa vigente». Certo la battaglia non è finita e l’attenzione va tenuta alta. Il sindaco fabrianese, Gabriele Santarelli lo ricorda ai concittadini raccontando di aver parlato «stamattina con un medico del nostro ospedale per capire come sta andando e per esprimere la vicinanza mia e dell’Amministrazione. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che stanno facendo e ricambiare il loro sacrificio mantenendo l’atteggiamento mirabilmente responsabile che la nostra comunità sta dimostrando di sapere tenere – scrive in un post su facebook – Ora anche le attività del comune sono destinate a rallentare per rispettare le prescrizioni riportate nell’ultimo decreto. Appena avremo la situazione più chiara vi comunicheremo le nuove regole per approcciarsi agli uffici comunali. Vi anticipo che molti sportelli al pubblico saranno sospesi fatta eccezione per quelli indifferibili. Questo per tutelare la salute dei dipendenti, dei loro cari e anche la vostra».



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X