facebook rss

Il Ct Roberto Mancini testimonial
dell’appello #stiamoacasa

JESI - "State a casa" dice ai giovani l'allenatore degli Azzurri in un messaggio video postato sui social che è diventato virale
Print Friendly, PDF & Email

Il ct Roberto Mancini

 

 

di Talita Frezzi

In un corso Matteotti pressoché deserto, con serrande abbassate e poche, sporadiche persone che camminano veloci, si staglia la figura nota del Ct della Nazionale Roberto Mancini, jesino doc. Il mister è tornato nella sua città natale e proprio dal centro, cuore della città, lancia un appello ai ragazzi facendosi portavoce – con il suo importante ruolo sportivo – di un messaggio che in poco tempo è già diventato virale, rimbalzato sui social e sulla pagina del Comune di Jesi. «Questo video per dire a tutti quanti di stare a casa e soprattutto ai ragazzi – dice mister Mancini – state a casa e tutelate la vostra salute e la salute dei vostri cari. E’ importantissimo, non ci sono più posti negli ospedali, state a casa, è importante, grazie». Poche parole, ma incisive che arrivano ai giovani e giovanissimi tifosi molto prima di tutte le ordinanze e di tutti i messaggi istituzionali sparati su tv e giornali. Se lo dice il mister jesino, conviene ascoltarlo. «Roberto Mancini è venuto in centro per lanciare un appello ai nostri ragazzi», si legge nel commento sulla pagina Instagram del Comune di Jesi. Un post condiviso e rimbalzato su tutti i canali social, che vede Mancini testimonial diretto di quella che sta nascendo spontaneamente come una campagna nazionale con l’hashtag #stiamoacasa per fermare la diffusione del virus. Un appello che, ancora prima della conferenza del Premier Conte, era stato accolto a Jesi da esercenti, titolari di bar e ristoranti, negozi, palestre e agenzie viaggi. Chi organizza il servizio di spedizione della merce sfruttando il canale dell’e-commerce o la vetrina dei social, chi prepara pasti da asporto su prenotazione. Per tutti, la parola d’ordine è prudenza e solidarietà.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page