facebook rss

Covid 19, task force di operatori
per consegne a domicilio
di farmaci e spesa agli anziani

OSIMO - Il sindaco Pugnaloni ha riunito oggi pomeriggio il Coc a teatro per studiare soluzioni a sostegno dei cittadini. Oltre alla distribuzione di un vademecum, sarà attivato un presidio che vigilerà sull'osservanza delle buone pratiche in negozi, bar e palestre e istituita una sede con recapito telefonico per ogni richiesta - VIDEO
Print Friendly, PDF & Email

La riunione del Coc di Osimo al teatro la Nuova Fenice

 

Una vera e propria task force per affrontare l’emergenza Coronavirus. L’ha attivata il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni, che oggi pomeriggio ha concluso la prima riunione del Coc, il centro operativo comunale per studiare le azioni da intraprendere. Un vertice convocato al teatro La Nuova Fenice per garantire il rispetto delle distanze di sicurezza tra i partecipanti  seduti nella vasta platea, come previsto dal decreto del Consiglio dei Ministri firmato ieri. 

Il sindaco Pugnaloni parla agli operatori dell’emergenza Coronavirus

«Il richiamo del Capo dello Stato è stato chiaro e puntuale. – ha ricordato il sindaco di Osimo – Cabina di regia unica e osservanza delle regole principali. Proprio per questa ragione ho riunito tutti per mettere in campo tre misure importanti. La prima è quella della comunicazione istituzionale (forze dell’ordine, dipendenti comunali e delle partecipate, associazionismo, protezione civile ci aiuteranno a diffondere informazioni utili sui comportamenti da utilizzare in questo particolare periodo per prevenire la diffusione del Covid-19 a partire dalla distrubuzione di apposito vademecum». Gli altri due provvedimenti attengono alla vigilanza e all’istituzione di una sede per gestire l’emergenza Covid 19 con numero telefonico ad hoc.

«Pensiamo di rendere operativo un presidio sul territorio per promuovere e sollecitare la corretta osservanza delle buone pratiche da parte delle attivita’ produttive, del commercio e sportive. – ha proseguito Pugnaloni – e poi di istituire una sede operativa presso il Centro Aquilone di via Molino Mensa dove operatori specializzati messi a disposizione della Cri Osimo attueranno un progetto nazionale per la consegna a domicilio degli alimenti e dei farmaci per le categorie a rischio specificate dalle disposizioni statali avvalendosi anche della collaborazione della Misericordia di Osimo Stazione». La fasce deboli e più fragili della popolazione sono soprattutto gli anziani ai quali, dopo l’ultimo decreto del Consiglio dei Ministri, viene sconsigliato di uscire di casa e di frequentare luoghi affollati.

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page