facebook rss

Coronavirus, altri 23 morti:
quattro decessi all’Inrca

IL BOLLETTINO DEL GORES - Sono saliti a 310 i pazienti che non ce l'hanno fatta dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Il 97,7% aveva un’età media di 79,8 anni e soffriva di altre patologie pregresse
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

Covid 19, si contano altri 23 morti nelle Marche nell’arco delle ultime 24 ore. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria le vittime complessive del virus nella nostra regione sono salite a 310 (210 uomini e 100 donne). Nel bollettino di consuntivo del Gores, delle ore 18, sono 4 i decessi registrati all’Inrca di Ancona: si tratta di un 82enne di Ancona, di una 90 enne, di una centenaria e di una 90enne tutti di Ancona e con patologie pregresse. All’Inrca di Fermo sono invece morti un 90enne, una 97enne, un 84enne e due 89ennei, tutti di Fermo. A Villa Pini hanno perso invece la vita un 83enne di Sent’Elpidio a Mare, un 76enne di Civitanova e un 87enne di Montelupone mentre a Senigallia si sono spenti una 94enne di Ostra, un 91enne di Pesaro e un 72enne di Fossombrone. Al Covid Hospital di Camerino è spirato un 90enne di Pesaro mentre nel presidio ospedaliero di Urbino se n’è andata una 81enne di Acqualagna e in quello di San Benedetto una 81enne di Fano, l’unico a non comprendere nell’anamnesi clinica patologie particolari. Negli ospedali Marche nord di Pesaro sono deceduti una 93enne e un 71enne di Fano, un 79enne e un 75enne di Pesaro. Un solo decesso è stato registrato invece all’ospedale di Torrette di Ancona. Si tratta un 72enne di Pesaro. Ad oggi tra i pazienti deceduti in totale delle Marche il 97,7% soffriva di altre patologie e aveva un’età media di 79,8 anni. La Provincia più colpita resta quella di Pesario Urbino (197 decessi), seguita da Ancona (53), Macerata (33) Fermo (22) e Ascoli Piceno (1). Il bollettino del Gores può essere letto qui.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page