facebook rss

‘Osimo Civica’ porta aria nuova
al candidato sindaco Dino Latini

AL VOTO - I 21 candidati apartitici che si affacciano per la prima volta nel panomara politico cittadino con un simbolo color fuscia si sono presentati stamattina. Nell'elenco delle priorità del programma elettorale il Sociale e la realizzazione di una nuova casa di riposo all'ex Muzio Gallo, il Welfare e la Cultura
mercoledì 10 Aprile 2019 - Ore 11:34
Print Friendly, PDF & Email

Un momento della conferenza stampa di presentazione di Osimo Civica

Monica Santoni, seconda da destra

 

E’ la prima lista della coalizione che sosterrà la candidatura a sindaco di Dino Latini a ufficializzare la sua discesa in campo per le Comunali del prossimo 26 Maggio. ‘Osimo Civica-Latini sindaco’ sarà formata da 21 candidati, rappresnetanti della società civile, che si affacciano per la prima volta all’ìmpegno politico e apartitico. L’unica con un passato elettorale e da amministratore di una società pubblica è Monica Santoni, il probabile nome capolista, attuale amministratore unico di Geosport, la srl del gruppo Astea che gestisce il Palabaldinelli. Il gruppo si è presentato stamattina in una conferenza stampa organizzata al ‘Gironda Cafè’ di via Marco Polo e per dimostrare di essere una novità assoluta nel panorama politico cittadino, oltre a rompere gli schemi della tradizione che vogliono una presentazione ufficiale prima del candidato sindaco e a seguire quella delle liste a sostegno, ha optato per tingere di fucsia il suo simbolo. «Un colore che non appartiene a nessun gruppo politico» ha fatto notare Monica Santoni. Tanti i temi inseriti come prioritari nel programma elettorale.  A partire da quello sensibile del Sociale, con la realizzazione di una nuova casa di riposo all’ex ospedale Muzio Gallo e del prezzo calmierato per le rette di quelle già esistenti, del Welfare, dello Sport, della Cultura e del Turismo che passerà anche attraverso l’organizzazione di un mercatino dell’antiquariato ad Osimo.

Un movimento nuovo, insomma, composto da persone non politiche ma interessate «a migliorare la propria città una Osimo che deve essere civica, cioè più attenta al cittadino e alle sue esigenze, capace di fornire servizi efficienti, di valorizzare le proprie eccellenze che finora non sono state gestite al meglio. ‘Osimo Civica’ vuole rappresentare un’alternativa alla politica delle chiacchiere perché questo è il momento in cui servono fatti concreti» ha spiegato la Santoni. Poi ha ricordato che «la percezione di sicurezza nella nostra città ha raggiunto livelli preoccupanti e soprattutto nelle frazioni a livello di servizi Osimo si è vista privata dell’Inps, del Giudice di pace ma cosa sai più grave di un ospedale davvero funzionante. Una priorità per qualsiasi amministrazione dovrebbe essere il settore dei Servizi sociali che ha avuto un deciso peggioramento con la società preposta più impegnata ad allestire eventi che a garantire prezzi e servizi consone alle famiglie». Un passaggio è stato dedicato alle infrastrutture, al museo civico ma anche alla torre di Palazzo comunale ancora chiusi dopo i danni del sisma 2016, alla pavimentazione del loggiato ancora non terminata. «Persino sulla testa della platea del teatro La Nuova Fenice padroneggia ancora una rete pronta a prevenire qualsiasi caduta di parti del soffitto. Non si può correre a ripari negli ultimi mesi quando ormai è troppo tardi» sottolinea la lista civica.

Indice puntato inoltre contro l’amministrazione Pugnaloni che «disattendendo gli impegni assunti in campagna elettorale ha avviato un processo di privatizzazione dei servizi pubblici legati alla distribuzione e vendita dell’energia – ha rimarcato Monica Santoni – con la conseguente perdita della governance da parte del territorio e con ricadute negative per il cittadino. Osimo Civica si impegnerà a valorizzare le partecipazioni pubbliche delle nostre aziende locali sviluppando sinergie tra il sistema del ciclo integrato dei servizi idrici e sistema dell’igiene urbana a promuovere sinergie, maggiori economie di scala e di Area Vasta utilizzando tutte le risorse impiegate per garantire i servizi più efficienti e competitivi, operando per la tutela dell’ambiente del territorio della sua sostenibilità recuperare la governance del territorio nei settori aperti alla concorrenza per il mercato come ad esempio quella della distribuzione della vendita del gas ad attivare concreti strumenti di sostegno alle famiglie in difficoltà nel pagamento delle fatture, ribadendo così la responsabilità sociale delle aziende partecipate anche quanto operanti nell’ambito del mercato libero».

Un occhio di riguardo sarà garantito per lo sport e l’insegnamento nelle scuole, nella ricerca di spazi fruibili per i giovani e sarà dato pieno appoggio al progetto della strada di bordo, avviato proprio dall’ex sindaco di Osimo Dino Latini, piuttosto che al tracciato della Variante Nord pensato dall’amministrazione Pugnaloni. Monica Santoni nel 2014 aveva sostenuto la candidatura di Simone Pugnaloni (Pd). Oggi insieme alle donne e agli uomini di Osimo Civica, «dopo un attento confronto con alcuni candidati» ha deciso di concedere fiducia a Dino Latini «che ha da tempo avviato un deciso rinnovamento all’interno delle liste civiche – ha evidenziato – dando spazio ai giovani e a nuove idee, forte dell’esperienza maturata la guida di Osimo quando era un sindaco. Così come fece allora, cambiando volto alla città, siamo sicuri che potrà farla partire dal 26 Maggio con il contributo e la forza di idee fresche come quelle proposte al nostro movimento. Il nostro impegno sarà rivolto alla risoluzione delle problematiche che colpiscono Osimo e gli osimani. Cercheremo di far comprendere agli osimani l’intenzione di migliorare Osimo perché vogliamo una città più sicura, decorosa, turistica, ecologica, pulita, efficiente, funzionale e che sappia ascoltare. Saremo con i cittadini perché ‘Osimo prima’ non è una semplice slogan ma un modo di fare».

Lo garantiscono Monica Santoni e i candidati di Osimo Civica, che comprede tra gli altri Katia Bulgarini (lavora nel sociale ma è una poetessa); Riccardo Canonico (il figlio del compianto imprenditore Celso); Rossella Mengoni (Oss); Daniele Domenella (commerciante-organizzatore di eventi); Giovanni Polidori (insegnante di educazione fisica con un progetto sportivo ad hoc per gli studenti); Simone Benigni (cacciatore) .

(servizio aggiornato alle 12.10)

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X