facebook rss

L’annuncio del ministro Salvini:
«Dieci milioni per i familiari
delle vittime di Rigopiano»

TRAGEDIA - Nell’incidente morirono sei marchigiani. A due anni dalla tragedia va avanti l’inchiesta bis sul disastro dell’hotel
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Alessandro Di Michelangelo, fratello di Dino, vicino al ministro Salvini

Dieci milioni di euro dallo Stato per i familiari delle vittime della tragedia di Rigiopiano morte sotto le macerie dell’hotel travolto da una valanga il 18 gennaio 2017. Lo ha annunciato a pochi giorni dal secondo anniversario della tragedia il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tramite un post pubblicato sul suo profilo social. Nell’incidente morirono sei marchigiani: sono Marco Vagnarelli, 44 anni, operaio della Whirlpool di Comunanza e Paola Tomassini, di 46, barista della società Autogrill, che erano nell’albergo di Farindola per una breve vacanza sulla neve. Emanuele Bonifazi, il 31enne addetto alla reception dell’albergo, era di Pioraco (Macerata). Marco Tanda, pilota Ryanair, di Castelraimondo (Macerata). Vivevano ad Osimo invece Domenico Di Michelangelo, 41 anni, agente delle Volanti e sua moglie Marina Serraiocco, 37 anni, commerciante, hanno lasciato un figlio, il piccolo Samuel, allora di 7 anni, estratto vivo dalle macerie.

«Come promesso -afferma Salvini- abbiamo fatto in una settimana quello che altri non hanno fatto in due anni – afferma il ministro – un intervento di legge a favore dei familiari delle 29 vittime della tragedia di Rigopiano e, soprattutto, 10 milioni stanziati dal ministero dell’Interno per aiutare chi ha perso tutto in quelle drammatiche ore. Dalle parole ai fatti». Va avanti, intanto, l’inchiesta bis sul disastro dell’hotel. Giovedì prossimo (17 gennaio) saranno interrogati i sette indagati accusati di frode in processo penale e depistaggio.

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page