facebook rss

A Fabriano torna
la ‘Culla per la vita’

IL LETTINO tecnologico inaugurato nel 2016 e bloccato dal sisma sarà ripristinato all'esterno dell'ospedale 'Profili', in collegamento diretto con il pronto soccorso. Il 13 dicembre la benedizione del vescovo Massara. Servirà per le mamme che non possono o non vogliono per qualunque ragione accudire il proprio bimbo
Print Friendly, PDF & Email

‘La culla per la vita’ montata all’ospedale di Fabriano

 

Era stata inaugurata nel 2016 a Fabriano, la ‘Culla per la vita’. Un progetto destinato a quelle mamme che non potevano o non volevano, per scelte etiche o per difficoltà economiche, accudire il figlio appena nato e preferivano lasciarlo con un gesto anonimo in quella culla tecnologica dopo avergli dato la vita. La culla, una moderna ‘ruota degli esposti’, era custodita in un locale dell’ospedale ‘Profili’ ma appena tre mesi dopo il taglio del nastro, il sisma ne aveva bloccato il funzionamento, rendendo inagibile lo spazio dell’ospedale che la ospitava. Ora, grazie ai promotori del ‘Centro Aiuto alla Vita’ che l’avevano progettata, in particolare alla presidente del Cav, Siliana Mencarelli, il lettino sarà riattivato all’esterno delle mura ospedaliere ma collegato al Pronto soccorso del ‘Profili’. Il dispositivo, mantenuto sempre caldo, dopo due minuti dalla chiusura del meccanismo farà suonare un allarme che attiverà i medici del Pronto soccorso, garantendo così cure al bebè e riservatezza al genitore. Il prossimo 13 dicembre l’amministratore apostolico della locale Diocesi di Fabriano-Matelica, il vescovo Francesco Massara, con la sua benedizione consacrerà il ripristino del servizio. La culla sarà titolata alla memoria di Salvatore Mirabella, volontario molto attivo nel mondo del terzo settore e del Sociale e proprio grazie a una donazione della sua famiglia è potuta tornare in funzione.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page